Ipnositerapia

Part 1

Dott.ssa Claudia Trombetta, Psicologa Specializzata in Psicoterapia Sistemico-Relazionale Esperta in Ipnosi.

L'ipnosi in psicoterapia

Facciamo qui riferimento all'utilizzo dell'ipnosi in ambito terapeutico secondo la teoria e la pratica di Milton Erickson, medico, psicologo e docente di psichiatria americano.

Il valore positivo di qualsiasi psicoterapia risiede nella capacità della persona di cambiare ed aumentare il proprio benessere attraverso l'incontro con un'altra persona, il terapeuta: tale cambiamento è più efficace e permanente quando il terapeuta può dialogare in modo diretto con l'inconscio del paziente, come appunto avviene attraverso l'utilizzo dell'ipnositerapia.

L'importanza dell'inconscio in ipnositerapia

L'inconscio è una miniera di risorse inutilizzate, di potenzialità inespresse e di apprendimenti dimenticati: ciascuno di noi usa solo una minima parte delle proprie potenzialità, poiché la maggior parte di esse sono depositate nell'inconscio. Attraverso l'ipnosi il paziente può accedere più facilmente a queste sue capacità: la mente conscia viene ridimensionata, mentre la mente inconscia viene aiutata a recuperare ed esprimere parti che normalmente non vengono utilizzate.

Si può infatti considerare l'ipnosi uno stato di "supercoscienza", anziché di incoscienza come talvolta viene descritto.

Part 2

Normalità e creatività della trance

E' importante sottolineare che lo stato di trance (ipnosi) è uno stato naturale che ciascuno di noi ha provato. L'esperienza più familiare è quella del sogno ad occhi aperti, ma altri stati di trance possono avere luogo quando meditiamo, preghiamo, facciamo attività molto coinvolgenti: in queste situazioni siamo molto concentrati sulle sensazioni interne, sia mentali che fisiche, e gli stimoli esterni perdono importanza. In tutte le situazioni di trance siamo più creativi e, quindi, più capaci di trovare valide e nuove soluzioni ai problemi.

Il percorso terapeutico

Per aiutare il paziente ad entrare in trance il terapeuta favorisce che la sua attenzione venga concentrata e diretta verso l'interno, guidandolo in una ricerca interiore attraverso suggestioni di rilassamento corporeo e mentale, visualizzazioni e metafore. Così il paziente viene aiutato a "viaggiare" nel proprio inconscio, condotto dalle parole del terapeuta, per entrare in contatto con le proprie conoscenze ed utilizzarle per migliorare il proprio benessere. Non corrisponde al vero in questo contesto né che il paziente racconti senza accorgersene ricordi traumatici passati né che possa essere indotto a fare ciò che non desidera: l'esperienza ipnotica è per lo più associata ad uno stato di piacevolezza e benessere e non è mai in contrasto con i bisogni ed i valori della persona. Una seduta di ipnositerapia dura circa 45-50 minuti ed è suddivisa in una fase iniziale e finale di colloquio ed una centrale di lavoro con l'ipnosi. Un percorso medio dura circa 10 sedute.

Part 3  

Cosa può risolvere

L'ipnosi può essere efficacemente utilizzata, con bambini ed adulti, per disturbi d'ansia (ansia generalizzata, attacchi di panico, fobie), depressivi, psicosomatici (disfunzioni fisiche connesse a difficoltà psicologiche quali disturbi gastrointestinali, asma e allergie,cefalee, insonnie), sessuali, dell'alimentazione.

Può essere utilizzata anche nella preparazione al parto con funzione analgesica.

Share by: